THE CHERRY-TREE CAROL

La cÓrola del ciliegio commento di Riccardo Venturi

Ancora una volta la gente ha preferito un racconto sulla vita di Cristo proveniente da un Vangelo apocrifo e permeato di umanitÓ all'ispirata, ma "lontana" narrativa biblica. Come risulta dallo Pseudo-Matteo, l'episodio del ciliegio avvenne durante la fuga in Egitto (anche se l'albero era una una palma, pi¨ consona all'ambiente). Il crudele scoppio d'ira di Giuseppe (str. 5) riflette una credenza eterodossa molto diffusa nel Medioevo: Giuseppe avrebbe frainteso la gravidanza della Vergine e l'avrebbe accusata di infedeltÓ. Molte versioni inglesi ed americane aggiungono alla ballata una serie di strofe nelle quali Giuseppe prende Maria sulle ginocchia e chiede perdono al bambino non ancora nato. Al bambino viene chiesto quando sarÓ il giorno della sua nascita, ed egli risponde: "Nell'antico giorno di Natale", oppure: Il sei di gennaio, Quando i colli e le montagne s'inchineranno davanti a me. Il presente testo, stampato da W.Sandys, Christmas Carols, 1833, p, 123, si adatta facilmente alla bellissima melodia riportata in J. McGill, Folksongs of the Kentucky Mountains, 1917, p. 60. Della presente ballata, con la stessa melodia, ha fornito una versione italiana abbastanza fedele Angelo Branduardi, intitolata Il Ciliegio.

THE CHERRY-TREE CAROL

Joseph was an old man, an old man was he
When he wedded Mary in the land of Galilee.
Joseph and Mary walked through an orchard good
Where was cherries and berries, so red
as any blood.
Joseph and Mary walked through an orchard green,
Where was cherries and berries, as
thick as might be seen.
O then bespake Mary, so meek and so mild:
"Pluck me one cherry, Joseph, for I am with child."
O then bespake Joseph, with words most unkind:
"Let him pluck thee a cherry that brought thee with child."
O then bespake the baby, within his mother's womb:
"Bow down then the tallest tree, for my mother to have some."
Then bowed down the highest tree unto his mother's hand
Then she cried, "See, Joseph, I have cherries at command."
O then bespake Joseph:"I have done Mary wrong;
But cheer up, my dearest, and be not cast down."
Then Mary plucked a cherry, as red as the blood,
Then Mary went home with her heavy load.
Then Mary took her babe, and sat him on her knee,
Saying, "My dear son, telle me what this world will be."
"O I shall be as dead, mother, as the stones in the wall;
The stones in the street,
mother, shall mourn for me all.
Upon Easter-Day, mother, my uprising shall be;
O the sun and the moon, mother, shall not rise with me."

LA CAROLA DEL CILIEGIO

Giuseppe era vecchio, era vecchio davvero
Quando spos˛ Maria in terra di Galilea.
Giuseppe e Maria camminavano per un belfrutteto,
Dove c'erano bacche e ciliege rosse come il sangue.
Giuseppe e Maria camminavano per un verde frutteto
Dove c'erano ciliege e bacche fitte da non
dirsi. Allora parl˛ Maria, cosý mite e cosý dolce:
"Coglimi una ciliegia, Giuseppe, perchS sono incinta."
Allora parl¨ Giuseppe, con parole assai scortesi:
"Chiedi al padre di tuo figlio di raccoglierle per te."
Allora parl¨ il bambino dentro al grembo di sua madre:
"Si pieghi l'albero pi¨ alto perchS mia madre ne colga."
Fu l'albero pi¨ alto che si chin˛ fino a sua madre,
E lei grid¨: "Guarda, Giuseppe, ho tutte le ciliege che voglio."
Allora parl¨ Giuseppe: "Ho fatto un torto a Maria,
8 Ma tu rallegrati, mia amata, e non buttarti gi¨."
Allora Maria colse una ciliegia rossa come il sangue
E dopo se ne and¨ a casa, con il suo grave fardello.
Maria prese il bambino e se lo mise sulle ginocchia,
E disse, "Mio figlio caro, che ne sar_ di questo mondo?"
"Oh, io sar¨ morto, madre, come le pietre nel muro;
Le pietre della strada, madre, piangeranno per me.
Il giorno di Pasqua, madre, sarÓ la mia resurrezione,
Il sole e la luna, madre, si leveranno con me."

1